PIETRAMARA Le riserve ALDEGHERI

24,70€
0 Commento(i) | Inserisci Commento
5 pezzo/i disponibili

PIETRAMARA

Le riserve

Pietramara è un igt del veneto che si produce esclusivamente da vigneti di collina, i cui grappoli migliori dopo la vendemmia vengono lasciati appassire su graticci. Prima della mescita è lungamente invecchiato in botti di rovere e poi in bottiglia nelle cantine sotterranee.

UVAGGIO

Corvina, rondinella, altri vitigni autoctoni a completare.

IL VIGNETO: COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E CARATTERISTICHE

I vigneti sono situati nella parte nord-ovest dell’arco collinare della provincia di verona. L’età media è di 20 anni e raggiunge i 35 anni in alcune corvine. I terreni sono rossi e bruni su marne di età cretacea e terreni compatti rossi su calcari eocenici.

GLI IMPIANTI: IL SISTEMA E LA DENSITÀ

pergoletta veronese semplice con 3.500 viti/ettaro.

LA VENDEMMIA: TEMPI E MODI

A inizio ottobre, dopo leggera surmaturazione. la raccolta è manuale, effettuata selezionando i grappoli migliori per il successivo appassimento.

LA VINIFICAZIONE

Dopo un accurato appassimento, nei primi giorni di febbraio le uve vengono diraspate e pigiate in maniera soffice; il mosto e le vinacce fermentano per lungo tempo. successivamente, dopo alcuni travasi, il vino viene trasferito in apposite grandi botti di rovere per l’invecchiamento che dura oltre 3 anni. Infine, pietramara si imbottiglia ma viene messo in commercio 6-8 mesi dopo, quando ha completato l’affinamento.

PIETRAMARA&CUCINA

Robusto, pieno, caldo, il profumo ricorda le amarene sotto spirito, la liquirizia, il cuoio e, molto debolmente, anche il legno. Ottimo con arrosti e selvaggina, è l’ideale con formaggi stravecchi e/o piccanti e non ha eguali sorseggiato tra i lieti conversari di fine pasto. Si consiglia di stappare qualche ora prima oppure “ossigenare” con decanter. Va servito a 18-20°c.

Pietramara è un igt del veneto che si produce esclusivamente da vigneti di collina, i cui grappoli migliori dopo la vendemmia vengono lasciati appassire su graticci. Prima della mescita è lungamente invecchiato in botti di rovere e poi in bottiglia nelle cantine sotterranee.

UVAGGIO

Corvina, rondinella, altri vitigni autoctoni a completare.

IL VIGNETO: COLLOCAZIONE GEOGRAFICA E CARATTERISTICHE

I vigneti sono situati nella parte nord-ovest dell’arco collinare della provincia di verona. L’età media è di 20 anni e raggiunge i 35 anni in alcune corvine. I terreni sono rossi e bruni su marne di età cretacea e terreni compatti rossi su calcari eocenici.

GLI IMPIANTI: IL SISTEMA E LA DENSITÀ

pergoletta veronese semplice con 3.500 viti/ettaro.

LA VENDEMMIA: TEMPI E MODI

A inizio ottobre, dopo leggera surmaturazione. la raccolta è manuale, effettuata selezionando i grappoli migliori per il successivo appassimento.

LA VINIFICAZIONE

Dopo un accurato appassimento, nei primi giorni di febbraio le uve vengono diraspate e pigiate in maniera soffice; il mosto e le vinacce fermentano per lungo tempo. successivamente, dopo alcuni travasi, il vino viene trasferito in apposite grandi botti di rovere per l’invecchiamento che dura oltre 3 anni. Infine, pietramara si imbottiglia ma viene messo in commercio 6-8 mesi dopo, quando ha completato l’affinamento.

PIETRAMARA&CUCINA

Robusto, pieno, caldo, il profumo ricorda le amarene sotto spirito, la liquirizia, il cuoio e, molto debolmente, anche il legno. Ottimo con arrosti e selvaggina, è l’ideale con formaggi stravecchi e/o piccanti e non ha eguali sorseggiato tra i lieti conversari di fine pasto. Si consiglia di stappare qualche ora prima oppure “ossigenare” con decanter. Va servito a 18-20°c.

Questo prodotto ha una media di 0 stelle basato su 0 commenti:

Commenti dei clienti

    Nessun commento